Non tutti sanno che…Acea quanto ci costi!

Non tutti sanno che solamente per il nolo contatori l’ACEA ATO5 S.p.A. riceve annualmente un introito pari a 3 milioni di euro.

Non tutti sanno che l’ACEA ATO5 S.p.A. ha introiti pari a 16 milioni di euro per le utenze ‘surplus’, ossia quegli alloggi inutilizzati.

Non tutti sanno che il mimino impegnato di 108 mc/anno che l’ACEA ATO5 S.p.A fattura a prescindere, anche se materialmente non è stato consumato nulla, è ormai bandito per legge. Ciò  è in violazione della Delibera del CIPE n. 52 del 04/04/2001 che ne ha sancito l’illegittimità dando al contempo ai gestori (dei sevizi a consumo) un tempo di quattro anni (quindi entro 04/04/2005) per il suo progressivo annullamento. Ebbene anche questo indebito “prelevamento di denaro”, fatto passare dal Gestore come un canone annuo tanto esoso quanto illegale è stato dovutamente contestato ad ACEA. Inutile ricordare come ACEA pur avendo dovuto ammettere che questo canone doveva essere annullato ha anche dichiarato  che non avrebbe potuto ottemperare a questa disposizione. Quindi, contro la legge.

Non tutti sanno che  le fatture sono a consumo,quindi il COCIDA ha stimato l’entità economica della quota parte da rimborsare per tre livelli medi di consumi possibili e cioè a dire 108,162 e 250 mc/anno potendo quindi interpolare facilmente i risultati per valori di consumo intermedi. Complessivamente i rimborsi cosi stimati sono rilevantissimi: oltre 33 Ml di euro per il consumo medio equiparabile al minimo impegnato, superiore ai 114 ML di euro per 250 mc/anno e si attestano intorno ai 58 ML di euro per un consumo medio di 162 mc/anno.

Non tutti sanno che la maggior parte dei depuratori (146 in gestione dalla stessa ACEA ATO5 S.p.A.) sono non funzionanti.

Non tutti sanno che dal 2004 ad oggi la curva dei rimborsi ad ogni utente è solo in ascesa e che ogni utente potrà richiederli sulla base delle tariffe effettive: visto i 183916 utenti il rimborso totale agli utenti comunali per rimborso medio dal 2004 al 2009 è pari a 167.907.078,59.

 

 

Ringraziamo il COCIDA e Mario Antonellis per i dati che ci hanno fornito. Quella dell’acqua è una lotta senza bandiere e senza colore. Dobbiamo continuare a raccogliere le firme. Invitiamo tutti i Movimenti della Provincia ad abbracciare la causa. 

 

 

Switch to our mobile site